Il fuoco dell’Ariete

ariete

Il sole entra nella costellazione dell’Ariete il 21 marzo e vi rimane fino al 19 aprile.

E’ il primo segno dello zodiaco e il primo di fuoco, negli antichi testi vedici l’Ariete è chiamato Agni che significa appunto fuoco.

E’ esuberante, energico, non conosce la pigrizia; è l’inizio e come dice Andrè Barbault nel “Dizionario dei Simboli”, gli inizi sono sempre un po’ puri e brutali: “questa forza incandescente è simile all’esplodere della vitalità originaria”.

Come tutti i segni di fuoco è immaginativo, si muove grazie ad un enorme volontà e non teme il fallimento, vive nel presente.

Essere capaci di vivere nel qui ed ora è un grande dono e segno di saggezza ma, l’Ariete deve vivere nel momento non per il momento. Deve fare un passo in più per trovare nella coscienza di sè una gioia nuova: la gioia dell’anima.

Marte è il pianeta della guerra e dell’Ariete, ma il vero pericolo per i nati sotto questo segno, arriva da dentro; l’Ariete deve:

  • dare una direzione a tutta la sua energia,
  • imparare dagli errori,
  • non cedere alla rabbia e alla frustrazione.

La meditazione ed esercizi di pranayama, respirazione, sono di grande aiuto perchè consentono all’energia di muoversi dal basso verso l’alto.

L’Ariete è un segno che può andare lontano, diventare un grande leader ma, deve riuscire a vedere la vita come una serie di ininterrotti inizi.

Veniamo ad uno dei miti, archetipi, di questo segno: Giasone e la conquista del Vello d’Oro dell’Ariete alato di Frisso.

Giasone con gli Argonauti, prodi guerrieri selezionati, parte alla conquista del Vello d’Oro nella Colchide.

Grazie all’aiuto di Medea, sacerdotessa e maga di Ecate, riesce nell’impresa e ritorna in patria dove sposa Medea dalla quale ha due figli.

Questo mito ha una conclusione tragica e drammatica come ben sappiamo. Giasone si innamora di un’altra donna, una principessa, e ripudia Medea. Quest’ultima si vendica uccidendo la futura sposa di Giasone, Creusa, e i suoi figli.

In Giasone vediamo il coraggio e le virtù di un guerriero tipiche dell’Ariete. Ma l’eroe riesce nella vittoria grazie a una maga che rappresenta il femminile. 

L’Ariete deve riuscire a sperimentare anche il suo lato più femminile e magico altrimenti quest’ultimo finirà nell’ombra.

Giasone paga un caro prezzo per aver abbandonato Medea e aver ceduto all’impulsività e alla passione. 

La caratteristica dell’Ariete é una risposta immediata agli stimoli, spesso con reazioni breve e intense.

Qualche consiglio per i nati sotto questo segno:

  • cercare di far durare l’entusiasmo nel tempo, cercando degli obbiettivi a lungo termine;
  • indagare e cercare di capire quali sono i progetti che appassionano veramente e quali invece interessanti relativamente o solo all’inizio;
  • contare fino a dieci prima di rispondere! Cercare di non essere impulsivo;
  • quando occorre prendere una decisione non agire immediatamente ma fare un elenco dei pro e dei contro;
  • cercare l’equilibrio, distribuire le forze in modo da non esagerare.

C’è un po’ d’Ariete in tutti noi… magari nell’ascendente o nella luna o in altri pianeti, in una delle 12 case sicuramente.

La nostra personalità “tocca” tutti i segni dello Zodiaco seppur in modo diverso.

Conoscere l’energia e l’archetipo di ogni segno è utili a tutti.

Se vuoi conoscere quale pietra ed olio essenziale è adatta ai nati sotto questo segno puoi leggere il blog di Monili+ qui.

Fonti

  • Il segno zodiacale come guida spirituale – Swami Kryananda
  • Astrologia e mito – Roberto Sicuteri
  • Astrocoaching – Gioia Gottini